Categorie
Accessori Bici

Proprietà dei copertoni per le bici

Ti sei chiesto cosa indica il TPI dei tuoi copertoni? Questa e altre caratteristiche spiegate in modo semplice!

Molti ciclisti stradisti sì ostinano a pedalare con i copertoni stretti!? Allarga le tue vedute e soprattutto le tue gomme!

In questo episodio faccio chiarezza su le caratteristiche tecniche che riguardano i copertoni delle bici.

Le gomme, deteriorate dal tempo, di quella bici rimasta appesa, per anni, come un caciocavallo al soffitto del garage di mio padre, dovevano assolutamente essere sostituite.

Molte persone non capiscono l’utilità delle sigle e numeri riportati su tutti i copertoni delle nostre bici.

Anche io non riuscivo a comprendere quelle sigle, BAR, TPI, PSI a destra e a sinistra più ingarbugliati dei partiti del parlamento italiano ah ah ah, ma quello è un altro discorso.

Cercherò di sbrogliare questa matassa e per aiutare te che sei nelle condizioni in cui mi sono trovato agli inizi o magari se hai già esperienza ma pensi che non si finisce mai d’imparare, ah ah

Faccio un riassunto delle informazioni che ho trovato nella miriade di siti internet.

Sappiate che indicazioni e le caratteristiche descritte sono valide sia per le bici da strada che per le mountain bike.

Comincio con la misura della sezione, poi vediamo che cos’è il numero di TPI e finiremo con i valori della pressione indicate su tutte le gomme da bici.

Quando ho iniziato, era il periodo in cui sulle le bici da corsa, si montavano copertoncini da 21 o addirittura da 19 mm di sezione:

Nel frattempo, per fortuna, lo standard è passato prima a 23 mm ora a 25mm, quest’ultima è la misura prescelta dalla maggior parte dei ciclisti di oggi,

già si parla con insistenza dei 28 mm come dell’inevitabile punto d’approdo per agonisti e amatori, ma molti telai, ancora, non permettono d’installare quelli troppo larghi. Vedremo!

Allora baker orecchie aguzze!, vi dimostrerò come in questo caso le dimensioni contano ah ah

soprattutto questo argomento è fondamentale per i dolori al fondoschiena dei ciclisti di strada.  Vi spiego il perché Ah ah

Molti ciclisti credono che montare copertoncini da 25 mm invece di 23 mm per le bici da strada, è svantagioso,

questo falso mito dice che, se sono più larghi, sono meno aerodinamici, hanno anche una maggiore impronta a terra e quindi generano più attrito, di conseguenza si ha meno efficienza e meno prestazioni.
Ma non è così… Numeri alla mano, ripassiamo per un attimo una teoria di fisica (se vuoi approfondire quello che ti sto illustrando cerca il rapporto tra pressione e forza secondo pascal) da quella formula è chiaro…

Che la questione da tenere conto non sembra essere l’aerodinamicità e l’attrito sul terreno, bensì E’ la forza a cui viene sottoposta la gomma a determinare le prestazioni.

Con numerose ricerche, fatte dai marchi più blasonati, che mettono a confronto copertoni più stretti e più larghi

Applicare tanta forza su una piccola sezione non è positivo né per il confort ne per le prestazioni. Perché aumenta la pressione a cui viene sottoposto il materiale e quindi viene sollecitato maggiormente.

Dobbiamo sollecitare le gomme il meno possibile per ottenere più prestazioni, per questo, abbiamo bisogno che il copertone abbia un maggiore area di appoggio per scaricare a terra, la forza esercitata dl nostro peso.


Praticamente a parità di peso il copertoncino da 23 mm si schiaccia maggiormente e quindi perde parte della sua efficienza.

Al contrario, l’area di contatto più estesa del 25 mm migliora le prestazioni, oltre a migliorare potenzialmente il comfort dei nostri fondoschiena.

Quindi la stessa teoria è applicabile, entro un certo limite, anche a sezioni più alte.

Cosa indica la scritta TPI sui copertoni da strada e MTB?
È un numero che indica l’unità di misura della flessibilità.  Spesso questo valore è scritto sulla confezione e non direttamente sulla gomma.

Per capire al meglio come il TPI rende flessibile o rigido il copertone devi pensare prima a una fibra fatta di fili di nylon incrociati che formano una trama pio o meno fitta.

Questa fibra viene immersa nella gomma.

La fibra assorbe la gomma che riempie tutti gli spazietti creati tra l’incrocio dei fili di nylon. Se la trama è larga assorbe maggiore gomma se la trama è fitta viene assorbita meno gomma.

Di conseguenza tutte le caratteristiche di un copertone dipendono se ce più gomma o piu fibra.

Se il numero di TPI è alto 120 160 ecc.. ce più fibra e quindi più flessibile e più leggero.

Se il numero di TPI e basso 60-40 c’è più gomma quindi il copertone è più rigido e più pesante.

Perché la gomma è più dura e pesante rispetto alla fibra di nylon.

Quel numeretto indica esattamente quanti fili di nylon ci sono in un pollice quadrato.

Vediamo quali sono i vantaggi che otteniamo a montare un copertone con un alto numero di TPI da 120 in su ad esempio

  1. Minore Peso
  2. Maggiore Flessibilità e Comfort
  3. Maggiore Scorrevolezza

Vediamo bene la questione della scorrevolezza che interessa a molti nella scelta della gomma giusta.

L’energia, che si genera durante la pedalata, viene dissipata in prevalenza durante la deformazione della gomma

Con alti valori di TPI essendoci meno gomma, l’energia che viene assorbita dal copertone durante il rotolamento viene invece impiegata nel movimento; ne risulta un notevole aumento della scorrevolezza.

Vediamo quali sono i vantaggi di un Numero minore di TPI (da 60 in giù)

  1. Basso rischio di foratura
  2. Elevata durata perché maggiore quantità di gomma sul battistrada

Ma questi copertoni hanno un peso più elevato.

Più semplice di così non riesco proprio a spiegarlo il concetto dei TPI

Un altro importante valore che è sempre scritto sui copertoni delle bici è Bar o PSI, sono entrambe unità di misura della pressione.

Sono riportati due numeri che Indicano la pressione minima e massima, consigliata dalla casa costruttrice, a cui devi gonfiare la gomma.

La pressione deve essere decisa e regolata prima di ogni uscita. Non lo dimenticare!

Vuoi sapere quale è la pressione perfetta?

La pressione dei pneumatici della vostra bici da strada o MTB , è del tutto personale come la misura della sella o il tipo di birra che ti piace bere ah ah

e dipende da vari fattori:

  1. I fattori principali sono il tuo peso è un e il terreno su cui vai a pedalare.

Specie x la bici da corsa occhio all’asfalto bagnato, personalmente riduco la pressione di mezzo bar in quei casi!

Poi dipende anche dai tuoi gusti dall’esperienza che hai.

è tutta una questione di trovare il giusto equilibrio tra grip e stabilità e divertimento.

Con la pressione chiudiamo questa puntata dedicata ai copertoni

Per oggi e tutto, cari Ciclisti e care cicliste,

Sono tanto contento che siete arrivati fino a qui e vi rimando al gruppo Facebook A ruota Libera c’è anche un canale telegram t.me/staiaruotalibera oppure scrivetemi in privato su telegram t.me/luigiciclista, vi metto i link nella descrizione di quest a puntata cercateli. Inviarmi domande, opinioni e datemi dei feedback e critiche costruttive, raccontate la vostra avventura nel ciclismo, vi aspetto.

Farò di tutto affinché questo canale, un po’ artigianale, riesca a dare un valore per chi lo Ascolta, il vostro aiuto è importante!

Vi chiedo, infine, fortemente di condividere questo podcast con i vostri amici ciclisti per permettere a più persone possibili di conoscere a ruota libera in modo che altri ciclisti possano usufruire di questi contenuti che con tanta passione mi impegno a creare per tutti.

Perché la fuga in solitaria non è mai una tattica vincente Spero che saremo un gruppo compatto fino al traguardo.

Allora Rimani in scia A ruota Libera..

Di Luigi Vergari

A Ruota Libera è il primo podcast dedicato al ciclismo pedalato e sensoriale. Fatto da un ciclista amatore e rivolto ai ciclisti amatori.
La passione per questo splendido sport mi spinge prima di tutto a pedalare e poi a ricercare sempre le novità e scoprire le innovazioni che girano attorno al mondo del ciclismo.
In più farò interviste a ciclisti che hanno una grande storia alle spalle.
Sono anche appassionato di informatica, in particolare ho avuto varie esperienze da Web Master.

Rimani in scia A Ruota Libera!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *